Romanzi e lavori

GIARDINI SENZA TEMPO

Autore: Luana Lamparelli |Genere: romanzo |Brossura: 90 pagine |Anno di pubblicazione: 2012| ISBN-13: 978-1291013085

In vendita online su Amazon (http://amzn.to/1SJsaba) e su www.lulu.com (http://bit.ly/1I4mByQ)

 

 

copertina_hd (1)
GIARDINI SENZA TEMPO – © Luana Lamparelli 2012. In vendita su Internet e in libreria.

 

Un albergo può essere il luogo ideale per non essere nessuno e ritrovarsi, lontano dal mondo? E’ quello che pensa una fotografa, di fronte a un contratto di lavoro inaspettato.  Tra le stanze e i corridoi di un albergo nasce la storia di Giardini senza tempo. Al di là della solita immagine dell’albergo come palco incontestabile di segreti e verità celate, una storia privata. Tre personaggi, due voci narranti, una vicenda che si svela al lettore attraversando diversi generi, scelti per evocare emozioni intense. Emozioni affidate soprattutto alla sensibilità del lettore, chiamato in prima persona a dare volto e voce ai personaggi misteriosi di quest’opera.

 

“Quando siamo soli con noi stessi, distesi nel silenzio di camere vuote, le persone che abbiamo amato sono giardini in cui ci perdiamo e gli istanti che abbiamo vissuto con loro sono fiori che sbocciano ancora. Giardini nel tempo, senza tempo.”

(tratto da “Giardini senza tempo”, Luana Lamparelli)


 

PICCOLI SILENZI DESIDERABILI

 

Autore: Luana Lamparelli |Genere: romanzo |Brossura:  200 pagine |Anno di pubblicazione: 2014| ISBN-13: 978-8869220067

In vendita qui: http://bit.ly/1MszWGH

 

PICCOLI SILENZI DESIDERABILI © Luana Lamparelli 2014. In vendita su Internet e in libreria.

 

Polaroid di vita ordinaria si affiancano a tele magistralmente dipinte; mondi diversi vivono e convivono, scoprendosi e rivelandosi, a sé stessi prima che agli altri.

Protagonisti curiosi e singolari si alternano ad altri seri e precisi, raccontando spaccati di vita di genitori, figli, amici, amanti, tra donne in carriera, sciupafemmine e grandi professionisti, tra determinazioni ed eventi non previsti. Nel fitto intreccio di vite che popolano il libro, con una scrittura precisa che si muove fra i registri stilistici più vari, la verità si rivela al lettore nella sua autentica semplicità, al di là delle complesse dinamiche entro cui si manifesta o attraverso cui nasce.

Attraverso il dedalo dei protagonisti, il lettore scopre diverse prospettive dell’amore, inteso nel senso ampio del suo significato di sentimento che unisce ma che allontana pure, guardando con occhi diversi ai ruoli che si ricoprono. A guidarlo, le voci narranti di volta in volta sempre diverse -ora maschili, ora femminili – , fino a giungere alla scoperta del fil rouge attraverso la voce brillante e sagace dell’ultima protagonista.

Cosa sono i Piccoli silenzi desiderabili del titolo? A rispondere ogni protagonista: qualcuno lo fa meglio, qualcuno lo lascia intendere, qualcuno li vive senza nemmeno coglierli, né possederne la poesia irripetibile.

Piccoli silenzi desiderabili sono la felicità, prima che accada, o la verità, prima che ci travolga e stravolga o ci renda beati.

 


 

LUANA LAMPARELLI

L’esordio letterario avviene nel 2011, quando è invitata come autrice ospite di manifestazioni a favore del disarmo nucleare organizzata da associazioni nazionali sensibili al tema. Nasce così il testo autobiografico “Leggo un nome: Chernobyl”, pubblicato anche su diverse testate giornalistiche.

Nel 2012, pubblica il suo primo romanzo, Giardini senza tempo.
Il 2013 è l’anno delle collaborazioni artistiche con pittori e scultori, registi.

A Maggio dello stesso anno, cura e allestisce una mostra audio-visiva, con il suo lavoro letterario “Faccia da trappola, esca”: gioco di parole a più voci che confonde lo spettatore presentandosi come fosse monologo nella resa scenografica.
A Settembre, cura i testi ed erige il documento di presentazione alla stampa dell’evento “Murgia. Vita, morte, miracoli”, evento culturale centrato sull’arte pittorica e scultorea. Oltre ai testi di presentazione dei diversi artisti e delle loro opere, per l’occasione scrive due racconti inediti, contenuti nel documento dell’evento: “Faccia da Murgia. Vita, morte, miracoli”, un testo dalla duplice chiave di lettura, e “Io amo il Castello”. Quest’ultimo, ispirato al Castel del Monte e dedicato alla figura di Federico II, è una sinergia tra elementi di sintesi delle diverse teorie esistenti e fondanti del Castello ed elementi fortemente evocativi. Nello stesso anno cura la comunicazione con l’esterno di altri eventi cuturali.
Dal 2013 collabora alla sceneggiatura della web fiction “Bishonnen”, per cui diventa protagonista nell’episodio “Tempus fugit”.
Dal 2014 cura la sua rubrica “Ars Artis”, pubblicata sui portali della Livenetwork. Nata da un’idea strettamente personale e dal desiderio di condividere l’arte in tutte le sue forme, con Ars Artis la nostra scrittrice incontra e intervista diversi artisti, facendone conoscere al pubblico la personalità e le peculiarità delle opere.
Nell’Agosto 2014 ha pubblicato il suo nuovo libro, il romanzo Piccoli silenzi desiderabili.

Dal 2016 collabora con la pagina web di Vanity Fair Italia con il suo racconto a puntate #ChatRoom.

È membro della giuria tecnica del Premio Letterario Nazionale “Corti e brevi”.

 

 

Contatti: luanalamparelli@gmail.com |

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *